Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.
Salta al contenuto principale

Non sei registrato?

Registrati subito per accedere ai servizi dedicati ai Professionisti come te

REGISTRATI
/**/

Consigli su come preparare i cibi per ritrovare il piacere di mangiare

Quali caratteristiche devono avere i cibi per garantire un’alimentazione sicura e soddisfacente per i pazienti disfagici? Scopri qualche suggerimento per prepararli in modo corretto.

 

Il giusto approccio al cibo influisce in modo fondamentale sulla qualità della vita di ciascuno di noi, in quanto riguarda sia lo stato nutrizionale sia la sfera emozionale.
Per questo è importante poter garantire, anche a chi soffre di disfagia, scelte alimentari che rappresentino un’esperienza positiva e gradevole, e non si trasformino in disagio demoralizzante, a causa delle difficoltà di deglutizione.
Il rischio maggiore è, altrimenti, rappresentato dal mangiare poco e male, e dalla possibilità di cadere in uno stato di malnutrizione.
Il sostegno dei tuoi familiari è prezioso sotto questo aspetto, per aiutarti a nutrirti correttamente e a ritrovare, nonostante tutto, il piacere di gustare un buon piatto.

Come favorire la deglutizione

Come favorire la deglutizione

Per garantire una corretta nutrizione e il giusto apporto di liquidi è spesso necessario modificare la consistenza degli alimenti, così da renderli più adatti alla deglutizione.
Inoltre ricorda che l’appetibilità è un altro fattore molto importante per favorire il riflesso della deglutizione, perciò nel preparare il cibo dedica attenzione anche a sapore, colore e temperatura.

Come cuocere

Come cuocere

Privilegia i metodi di cottura più semplici, meglio se con il condimento di olio o burro: i grassi agevolano infatti la lubrificazione.

Come frullare

Come cuocere
  • Cuoci e sminuzza i cibi prima di frullarli, poi filtra bene per rimuovere eventuali filamenti o pezzi residui.
  • Se necessario aggiungi gradualmente i liquidi: il latte è perfetto perché ne migliora la consistenza.
  • Tieni in frigo il cibo fino al momento di consumarlo. Puoi congelare la quantità in eccesso.

Come modificare la consistenza

Con l’utilizzo di alcuni additivi puoi modificare la consistenza dei cibi inseriti nella dieta.

ADDENSANTI

Come modificare la consistenza
  • Gelatina, farine di amido e fecola da sciogliere negli alimenti o da aggiungere in cottura. 
  • Addensanti istantanei (aggiunti agli alimenti mantengono la consistenza voluta senza modificare gusto o colore).

LUBRIFICANTI

  • Olio, burro, salse.

DILUENTI

  • Latte, brodo, succhi di frutta o verdura.

Come integrare

Come integrare

+ CALORIE
Aumenta le porzioni e suddividi l’alimentazione in più pasti. 
Arricchisci i piatti con condimenti e salse. 
Mangia anche gelati, panna montata, miele e succhi di frutta.

+ PROTEINE
Privilegia latticini e formaggi, uova, carne e pesce.

INTEGRATORI NUTRIZIONALI
Liquidi, in polvere o cremosi, ti garantiscono una composizione nutrizionale equilibrata perché contengono tutti i principi nutritivi essenziali. 
Hanno un elevato potere nutrizionale, perciò devono essere prescritti da un nutrizionista o da un dietista.

Come assumere liquidi

Come assumere liquidi

Anche per i liquidi puoi utilizzare addensanti per modificarne la consistenza. 
Per le modalità di assunzione devi seguire le indicazioni del medico riguardo alla necessità di utilizzare, in alternativa il bicchiere, il cucchiaino o la cannuccia; se assumerli lontano dai pasti e se fare sorsi continui o singoli.
In generale, tieni presente che sono da preferire le bevande fresche e non gassate.