Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.
Salta al contenuto principale

Non sei registrato?

Registrati subito per accedere ai servizi dedicati ai Professionisti come te

REGISTRATI
/**/

Stanchezza e perdita di peso involontaria? Parlane con il tuo medico

È molto importante fare in modo che i fabbisogni nutrizionali siano soddisfatti con l’avanzare dell’età per evitare carenze e rischio di malnutrizione.

Spesso succede che lo stile di vita, le abitudini alimentari e il metabolismo subiscano dei graduali cambiamenti. I processi digestivi e l’assorbimento dei vari nutrienti rallentano, diventano quindi più probabili le carenze di alcuni principi nutritivi fondamentali. Inoltre, questo deficit di uno o più nutrienti può con il tempo influenzare le diverse funzioni fisiologiche provocando: senso di affaticamento, debolezza e problemi motori. È molto importante fare in modo che i fabbisogni nutrizionali siano soddisfatti con l’avanzare dell’età per evitare carenze e rischio di malnutrizione.

Sintomi della carenza di nutrienti

La malnutrizione è il risultato di un’assunzione insufficiente oppure di malassorbimento di uno o più nutrienti importanti normalmente presenti in una dieta varia ed equilibrata.

Mentre alcuni aspetti dell’invecchiamento sono difficili da controllare, avere un'adeguata alimentazione è possibile. Diversi fattori possono aumentare il rischio di malnutrizione durante l’invecchiamento, come mancanza d’appetito, problemi di masticazione e ai denti, ridotte capacità sensoriali, e altre malattie che possono essere causa di una dieta inadeguata.

Fattori di rischio

Anche lo stile di vita gioca un ruolo importante, specialmente per gli anziani che vivono in solitudine, e che quindi mangiano meno oppure in coloro per i quali il costo degli alimenti è difficile da sostenere.

Oltre alle cause dirette, ci possono essere cause indirette che interferiscono ulteriormente con un’adeguata nutrizione, ad es. l’insorgenza di un problema acuto o la presenza di malattie croniche che richiedono ricovero in ospedale.

I rischi di malnutrizione sono seri e possono essere causa di minore resistenza alle infezioni, di un recupero più lento dopo la malattia e in generale di una riduzione dell’aspettativa di vita.

Per evitare il rischio di malnutrizione, mangia cibi salutari e ricchi di nutrienti e modifica la consistenza degli alimenti se soffri di disfagia (in consigli alimentari trovi qualche suggerimento), cerca di tenere il tuo fisico in movimento (potresti fare una passeggiata tutti i giorni o andare in bicicletta e salire le scale a piedi se ti è possibile).

La malnutrizione può comunque essere identificata, rivolgiti al tuo medico di fiducia. Nel frattempo, potresti compilare subito il questionario MNA (Mini Nutritional Assessment), uno strumento facile e immediato, specifico per gli anziani e validato scientificamente a livello internazionale. Consiste in un questionario di sei domande, fornendo un punteggio in grado di individuare persone a rischio di malnutrizione in modo semplice e pratico. VAI AL TEST