Efficacia dell’intervento nutrizionale orale nei pazienti oncologici malnutriti: una revisione sistematica

Questa revisione di diversi studi riguardanti pazienti con vari tipi di tumore, prende in considerazione l’efficacia degli interventi nutrizionali e la composizione nutrizionale dei supplementi.

premessa

La gestione nutrizionale durante e dopo il trattamento oncologico impatta sull’efficacia della terapia e sulla qualità della vita (QoL). Questa revisione esamina sistematicamente l’effetto degli interventi orali nutrizionali sugli esiti clinici nei pazienti oncologici.

 

metodi

Sono stati sottoposti a revisione sistematica 28 pubblicazioni che hanno coinvolto pazienti con tumori gastrointestinali, polmonari, della testa e del collo ed epatici; sono state riassunte e discusse la composizione nutrizionale dei supplementi, le misure di outcome e l’efficacia degli interventi nutrizionali.

Kim J-M et al
The Efficacy of Oral Nutritional Intervention in Malnourished Cancer Patients: a Systemic Review

Clin Nutr Res. 2016 Oct; 5(4): 219-236

Contenuto riservato agli utenti registrati.

RISULTATI  

Ogni studio ha impiegato varie misure di outcome. 
Nel 40% degli studi il supplemento nutrizionale orale ha migliorato gli indici di stato nutrizionale e la QoL, e ridotto la durata del ricovero ospedaliero; nel 65% degli studi sono risultati migliorati uno o più marker di funzione immunitaria e di risposta infiammatoria. Gli immunonutrienti più frequentemente utilizzati sono stati gli omega-3, sia sotto forma di precursore (acido alfa linolenico) che come metaboliti forniti dall’olio di pesce (EPA e DHA), che hanno dimostrato di sopprimere la risposta infiammatoria. 

In 14 studi è stata impiegata arginina, le cui concentrazioni risultano diminuite nei pazienti oncologici e la cui deprivazione gioca un ruolo centrale nell’attività antitumorale mediata dai linfociti T.
In alcuni studi sono stati impiegati nucleotidi, che esercitano un effetto immunostimolante e che in studi preclinici hanno dimostrato di stimolare la risposta dei Th1 e Th2 e di accelerare la produzione di IL-7.

CONCLUSIONI

Questi risultati suggeriscono che un uso appropriato del supplemento nutrizionale orale può essere lo strumento ideale per migliorare l’efficacia del trattamento.