Terapia enzimatica in odontoiatria

Le evidenze scientifiche in campo odontoiatrico evidenziano come la terapia enzimatica potrebbe migliorare la prognosi e la gestione dei processi infiammatori post-intervento chirurgico.

Le evidenze scientifiche riportano come la terapia enzimatica possa essere utilizzata in diversi ambiti medico/sanitari, non solo con a scopo curativo ma anche preventivo.

Le formulazioni prevedono l’utilizzo di enzimi proteolitici di origine vegetale e animale (tripsina, chimotripsina, bromelina e papaina), associati ai flavonoidi (quercetina e rutina).

A causa della diversa specificità delle relazioni e del pH ottimale richiesto dalle idrolasi proteolitiche, lo spettro d’azione delle combinazioni di prodotti e più ampio di quello di un solo enzima.

Studi in vitro e in vivo riportano diverse azioni a carico degli enzimi proteolitici e dei flavonoidi che possono essere ricondotte al profilo di efficacia della terapia enzimatica.

Davide Allegri
Consulente Scientifico

Contenuto riservato agli utenti registrati.