Immunonutrizione prima e durante la radiochemioterapia: miglioramento dei parametri infiammatori in pazienti con tumore della testa e del collo

Studio sull’impatto della supplementazione orale sui parametri biochimici e sulle tossicità acute nei pazienti sottoposti a radiochemioterapia (RCT)

Premessa

Sono state riportate meno interruzioni della radioterapia per tumore della testa e del collo (HNSCC) nei pazienti che avevano ricevuto supplementi nutrizionali orali, rispetto ai pazienti che avevano ricevuto un generico counselling nutrizionale. 

È stato condotto uno studio sull’impatto della supplementazione orale con una formula immunomodulante contenente arginina, Omega 3, nucleotidi e fibra solubile (PHGG)  sui parametri biochimici e sulle tossicità acute durante radio-chemioterapia (RCT) per HNSCC.

 

Metodi

In uno studio di fase II prospettico sono stati arruolati 31 pazienti con HNSCC non-metastatico allo stadio III o IV, con concomitante trattamento RCT. 

I pazienti hanno ricevuto una formula nutrizionale immunomodulante contenente arginina, Omega 3, nucleotidi e fibra solubile (PHGG) per 5 giorni prima di ogni ciclo di terapia.
Al basale, dopo 5 giorni di assunzione del supplemento e alla fine dell’ultimo ciclo di formula immunomodulante sono stati valutati parametri nutrizionali e infiammatori e indicatori di stress ossidativo.

Machon C et al
Immunonutrition before and during radiochemotherapy: Improvement of inflammatory parameters in head and neck cancer patients.

Support Care Cancer. 2012; 20: 3129-3135

Contenuto riservato agli utenti registrati.

RISULTATI  

  • Rispetto al basale, il supporto nutrizionale con formula immunomodulante contenente arginina, Omega 3, nucleotidi e fibra solubile (PHGG) ha portato ad una significativa riduzione della proteina C-reattiva (PCR) (9,8 vs 3,2, p=0,002) e dell’a-1 glicoproteina acida. 
  • Nello studio è stata osservata un’incidenza di mucositi gravi inferiore a quella osservata in altri studi.

 

CONCLUSIONI

Il supporto nutrizionale può migliorare lo stato infiammatorio presente nei pazienti con HNSCC di stadio III e IV e può prevenire l’insorgenza di mucositi acute gravi.