L’importanza della gestione globale della nutrizione nelle neoplasie del distretto cervico-cefalico

Il caso clinico del tumore squamoso dell’orofaringe

Il tumore squamoso dell’orofaringe (OPSCC) correlato all’infezione da virus HPV rappresenta un’entità clinica sempre più frequente dal punto di vista epidemiologico nei paesi occidentali, riguardando soggetti di età mediamente più giovante rispetto al passato. 
Dal punto di vista biologico, OPSCC si è dimostrato essere più sensibile alla radioterapia ed alla chemioterapia e caratterizzato da una prognosi migliore rispetto alle neoplasie correlate a tabacco ed alcool. In questo contesto, risulta fondamentale un approccio a tutto tondo al paziente per garantire le più alte probabilità di guarigione, insieme ad un impatto ridotto sulla qualità di vita e sulla funzione d’organo.
Cruciale in questo senso è, pertanto, un approccio globale alla nutrizione che coniughi una erogazione attenta e tecnologica della radioterapia, uno studio approfondito della funzionalità deglutitoria ed una valutazione accurata delle esigenze nutrizionali del paziente.
Questo caso clinico illustra efficacemente il tipo di approccio clinico descritto.

Guarda di seguito la videopresentazione del Prof. Franco, oppure scarica il caso clinico.

Prof. Pierfrancesco Franco
Medico Chirurgo, Specialista in Radioterapia.
Dottore di Ricerca in Scienze Biomediche ed Oncologia.
Professore Associato presso il Dipartimento di Oncologia, Università di Torino - AOU Città della Salute e della Scienza, Torino

Contenuto riservato agli utenti registrati.